Bolivia – Un colpo di stato reazionario costringe Evo Morales alle dimissioni
12 Novembre 2019
1969 – Studenti e operai nell’Autunno caldo
15 Novembre 2019
Bolivia – Un colpo di stato reazionario costringe Evo Morales alle dimissioni
12 Novembre 2019
1969 – Studenti e operai nell’Autunno caldo
15 Novembre 2019
Mostra tutto

“Russia – dalla rivoluzione alla controrivoluzione” – Introduzione e indice dei capitoli

Il libro Russia: dalla rivoluzione alla controrivoluzione di Ted Grant, del quale proponiamo ai nostri lettori i primi sei capitoli, abbraccia l’intera storia dell’Unione Sovietica, dalla Rivoluzione d’Ottobre del 1917 alla restaurazione del capitalismo nei primi anni ‘90.

Nell’ottobre del 1917 in Russia gli operai e i contadini riuscirono, attraverso la direzione rivoluzionaria del partito bolscevico, a prendere il potere per la prima volta nella storia. Il percorso verso la costruzione del socialismo, tuttavia, non fu affatto lineare. L’isolamento e l’arretratezza della Russia rivoluzionaria contribuirono alla degenerazione del primo Stato operaio, che finì sempre più sotto il controllo asfissiante di una burocrazia statale onnipotente guidata da Stalin.
A questo processo e alle battaglie che lo accompagnarono, Ted Grant dedica un’analisi attenta nei capitoli L’ascesa dello stalinismo (II), Dal piano quinquennale alle purghe (III) e soprattutto in La natura dello stalinismo (IV), sviscerando gli aspetti storici e gli avvenimenti, ma anche teorici della degenerazione dell’Unione sovietica. Naturalmente le dinamiche interne all’URSS, che era il paese di riferimento per i partiti comunisti di tutto il mondo e, a partire dal secondo dopoguerra, la seconda potenza mondiale, ebbero pesanti ripercussioni sulla scena mondiale, in particolare sui processi rivoluzionari a livello internazionale. Di particolare interesse il capitolo Dalla guerra alla “destalinizzazione” (V), in cui viene illustrato il modo in cui i regimi comunisti in Europa dell’Est e in Cina vennero plasmati sul modello burocratico dell’URSS stalinista.

Decenni di governo burocratico e l’impossibilità di sviluppare il potenziale dell’economia pianificata senza una genuina democrazia operaia, portarono a un divario sempre più grande con l’Occidente capitalista. Nel capitolo Il periodo della stagnazione (VI) vengono analizzate proprio le contraddizioni e le falle strutturali che provocarono il declino dell’economia sovietica e preannunciarono il crollo finale dell’URSS.

Distaccandosi tanto dalla vuota idolatria degli stalinisti quanto dalle isteriche campagne denigratorie degli intellettuali borghesi (ben felici di poter utilizzare Stalin per screditare il nome del socialismo), questi testi possono offrire un potente strumento di comprensione politica per tutti coloro che sono alla ricerca di un’alternativa al modello capitalista.

Capitolo 1 – Il bilancio dell’Ottobre

Le conquiste dell’economia pianificata • La Rivoluzione d’Ottobre fu un colpo di Stato? • Mobilitazione permanente • Partito e classe • “Tutto il potere ai soviet!” • Il mito dell’Assemblea Costituente • I contadini e i soviet • Reazione selvaggia • L’internazionalismo di Lenin • Il prezzo dell’isolamento • Un crollo senza precedenti • La Nuova Politica Economica (NEP)

Capitolo 2 – L’ascesa dello stalinismo

La teoria marxista dello Stato • Il semi-Stato • La vecchia macchina statale • Le radici della burocrazia • La lotta di Lenin contro Stalin • La reazione burocratica • L’Opposizione unificata • Perché Trotskij non prese il potere? • Il ruolo dell’individuo

Capitolo 3 – Dal piano quinquennale alle purghe

Collettivizzazione forzata • Zig zag nell’economia • Aumentano le divisioni sociali • La politica estera sovietica • La rivoluzione tedesca del 1923 • “Socialismo in un solo paese” • Il “terzo periodo” • La vittoria di Hitler • La politica del fronte popolare • La rivoluzione spagnola • I processi di Mosca • Sterminati i vecchi bolscevichi • Intere famiglie spazzate via • Il massacro dello stato maggiore • “Il marchio di Caino” • La fine del Comintern

Capitolo 4 – La natura dello stalinismo

La controversia sul carattere di classe dell’Urss • Lo Stato di transizione dopo l’Ottobre • Termidoro e bonapartismo • Cos’è il bonapartismo • Stalinismo: una forma di bonapartismo • “Collettivismo burocratico”? • Trotskij sul “capitalismo di Stato” • “Un sindacato al potere” • La teoria del “capitalismo di Stato” oggi

Ancora una volta: i vantaggi dell’economia pianificata • Conseguenze delle purghe • “Per gli archivi” • Inizia la riscossa • Manovre di Stalin • L’Europa orientale dopo la guerra • La vittoria della rivoluzione in Cina • Da Stalin a Kruscev • L’ultima purga di Stalin • Imperialismo sovietico? • La rivoluzione ungherese • La rivolta di Novocerkassk

Capitolo 6 – Il periodo della stagnazione

La caduta di Kruscev • L’Unione Sovietica rimane indietro • Progresso tecnologico • L’agricoltura: il tallone d’Achille • Il livello di vita negli anni ’80 • Il problema della qualità • Lo Stato sotto Breznev • Arte e scienza • Il processo agli scrittori