Articoli

7 Giugno 2023

Mario Mieli e il FUORI. Tra rivoluzione e interclassismo, la parabola del movimento omosessuale italiano negli anni ’70

L’articolo che qui pubblichiamo si basa sulla prima discussione del seminario “Marxismo, famiglia e questione LGBT” (Modena, 12 novembre 2022), che approfondiva la storia del movimento omosessuale italiano dimostrando come storicamente non sia mai stato del tutto separato dal movimento operaio e dalle idee rivoluzionarie. Nel descrivere come abbia avuto […]
10 Maggio 2023

Le lotte operaie e contadine in Perù e il governo di Velasco Alvarado

Il testo che segue è stato alla base del terzo e ultimo seminario che si è tenuto il 27 maggio a Milano sulla storia del movimento operaio peruviano. La discussione ha trattato le lotte operaie e contadine degli anni ‘60 e ‘70 e la formazione del governo militare di Velasco […]
27 Aprile 2023

Ungheria 1956 – Una rivoluzione politica contro lo stalinismo

Trotskij parlava della necessità in URSS di una “rivoluzione politica”. Non una rivoluzione sociale, perché in Russia il capitalismo era già stato abolito e l’economia era già stata nazionalizzata, ma una rivoluzione politica, per restituire ai lavoratori il potere politico e il controllo sull’economia. Nel corso della storia abbiamo visto diversi casi di rivoluzione politica nei paesi stalinisti. Il più straordinario di tutti è stato sicuramente quello della rivoluzione ungherese del 1956.
11 Aprile 2023

Germania 1923 – La rivoluzione mancata

Ad inizio anni ’20 la situazione europea procede verso una stabilizzazione relativa del dominio borghese, a causa della sconfitta dei tentativi rivoluzionari del 1919-20 (Ungheria, Germania, Italia) scoppiati in scia all’Ottobre bolscevico. Quella stabilizzazione è bruscamente rimessa in causa dalla crisi internazionale che deflagra nel gennaio 1923 sull’insolvenza della Germania nel pagamento alla Francia delle riparazioni di guerra fissate dal Trattato di Versailles. La crisi prende una forma acuta con l’occupazione della Ruhr, cuore del capitalismo tedesco, da parte dell’esercito francese. È l’innesco, in Germania, di una crisi economica, sociale e politica senza precedenti.