Mario Mieli e il FUORI. Tra rivoluzione e interclassismo, la parabola del movimento omosessuale italiano negli anni ’70
7 Giugno 2023
Ucraina – Il crollo della diga scatena l’isteria guerrafondaia
9 Giugno 2023
Mario Mieli e il FUORI. Tra rivoluzione e interclassismo, la parabola del movimento omosessuale italiano negli anni ’70
7 Giugno 2023
Ucraina – Il crollo della diga scatena l’isteria guerrafondaia
9 Giugno 2023
Mostra tutto

La controffensiva ucraina: una valutazione preliminare

Le notizie parziali e confuse sugli scontri sul fronte del Donbass indicano l’inizio della tanto annunciata controffensiva ucraina. Sulla base di informazioni sommarie è impossibile formulare previsioni certe. Le righe che seguono hanno quindi un carattere del tutto condizionale.

Sottolineo che rappresentano il mio punto di vista, poiché non ho potuto confrontarmi con altri compagni e non potrò comunicare per un po’.

Secondo il viceministro della Difesa ucraino Hanna Mailar, un’offensiva ucraina “si sta svolgendo in diverse direzioni”. Queste dichiarazioni alimentano la speculazione che potremmo assistere all’inizio di una campagna di Kiev per riconquistare il territorio occupato dalla Russia.

“Non si tratta solo di Bakhmut. L’offensiva si sta svolgendo in diverse direzioni. Siamo soddisfatti della conquista di ogni metro. Oggi è un giorno di successo per le nostre forze”, ha dichiarato.

Nelle ultime settimane, l’esercito ucraino ha intensificato gli attacchi ai depositi di carburante e ai depositi di armi russi, il tipo di attacchi che di solito precedono le grandi offensive di terra. Tuttavia, Kiev ha sottolineato che non avrebbe annunciato l’inizio di una controffensiva.

A causa degli sforzi intensi compiuti sia dagli ucraini che dai russi per manipolare l’opinione pubblica e ingannare gli avversari sulle loro strategie militari, dobbiamo prendere i rapporti di entrambe le parti con la necessaria cautela. Tuttavia, nonostante ciò, è possibile analizzare attentamente le informazioni disponibili e raccogliere abbastanza materiale per formulare una valutazione degli elementi essenziali.

I commenti di Mailar sono arrivati dopo che il Ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver respinto un attacco ucraino “su larga scala” nella regione orientale di Donetsk. Nella sua dichiarazione, l’esercito russo ha affermato di aver ucciso 250 ucraini e di aver distrutto un certo numero di veicoli blindati utilizzati nell’assalto, anche se non ha fornito ulteriori dettagli.

È impossibile verificare in modo indipendente l’affermazione, ma se fosse vera, indicherebbe che l’Ucraina è impegnata in operazioni di sondaggio, volte a testare la capacità di resistenza delle forze russe in alcuni punti lungo una linea di difesa che si estende per oltre mille chilometri.

La vera offensiva, quando arriverà, potrebbe non essere vicina all’area descritta nei rapporti iniziali. Gli ucraini testeranno diversi punti prima di lanciare un attacco serio. Devono prestare la massima attenzione a questo aspetto, perché le loro riserve di soldati e armamenti sono decisamente limitate e gravi perdite le comprometterebbero fatalmente.

Questo è un aspetto che dobbiamo tenere costantemente presente nelle prossime settimane. Più di ogni altra guerra, questa è stata combattuta sul terreno della propaganda. Si può prevedere in anticipo che qualsiasi avanzata degli ucraini – anche la conquista di un villaggio insignificante – sarà accompagnata da un boato assordante di propaganda trionfalistica. Ma non dobbiamo farci fuorviare da questo baccano e dobbiamo invece mantenere la nostra attenzione sull’equilibrio fondamentale delle forze e sulle realtà del campo di battaglia, che di solito hanno poca o nessuna relazione con le “battaglie” che vengono perse e vinte nella cosiddetta guerra dell’informazione.

Se ci sforziamo di ignorare tutto questo clamore e prendiamo in considerazione i fatti, diventerà subito chiaro che gli ucraini non si trovano in una situazione favorevole. Al contrario. Il Ministero della Difesa ucraino non rilascia cifre sulle vittime, ma le perdite da entrambe le parti sono state molto ingenti. La differenza è che la Russia è un Paese molto più grande dell’Ucraina ed è in grado di rimpiazzare le perdite più facilmente.

 

La disperazione crescente di Zelenskij

Nella sanguinosa battaglia per Bakhmut, l’Ucraina ha perso un gran numero di truppe esperte, mentre le perdite russe sembrano essersi limitate principalmente al Gruppo Wagner, che ha condotto la maggior parte dei combattimenti e non fa nemmeno parte dell’esercito russo. Le principali forze russe sono intatte e trincerate dietro una linea di difesa pesantemente rinforzata.

Ricordiamo l’affermazione di Napoleone secondo cui la difesa ha un vantaggio di tre a uno sull’attacco. I russi hanno avuto tutto il tempo per prepararsi ad affrontare una controffensiva ucraina. Nonostante le assurde affermazioni dell’Occidente, non sono a corto di munizioni. A differenza dell’Ucraina, la Russia ha una potente industria bellica, che lavora a pieno ritmo producendo armi, munizioni e missili.

Al contrario, gli ucraini dipendono interamente dalle forniture dell’Occidente e si lamentano costantemente di non avere quasi nulla. Negli ultimi mesi, Zelenskij ha mostrato crescenti segni di disperazione. I suoi continui viaggi all’estero avevano lo scopo di garantire che non ci sarebbe stata alcuna riduzione delle forniture di armi. In ciò è riuscito, almeno nel breve periodo.

Tuttavia, il futuro non è chiaro. In pubblico, gli Stati Uniti e la NATO continuano a proclamare di essere uniti e di voler continuare a sostenere l’Ucraina “finché sarà necessario”. Ma in privato le cose sono molto diverse. È evidente che l’appetito per questa guerra in Occidente sta venendo meno. L’inflazione, direttamente collegata alla guerra, sta colpendo l’Occidente, mentre le sanzioni contro la Russia, pur avendo causato qualche problema, non hanno avuto un effetto paragonabile e non hanno avuto alcun effetto sulla macchina bellica russa.

Dietro le quinte, i leader occidentali stanno facendo pressione sugli ucraini per avviare negoziati con la Russia. Ma questo sarebbe il bacio della morte per Zelenskij. Significherebbe inevitabilmente una perdita di territorio, che secondo loro è fuori discussione. Quindi, per ora, le questioni devono essere risolte sul campo di battaglia. Tuttavia, Zelenskij sa che prima o poi dovrà sedere al tavolo dei negoziati.

Il vero intento dell’offensiva è quello di guadagnare un po’ più di territorio, in modo che l’Ucraina possa entrare nei negoziati di pace in una posizione più forte. Ma si tratta di una scommessa molto rischiosa, le cui conseguenze e potrebbero essere disastrose per l’Ucraina.

L’altra ragione più urgente dell’offensiva è il disperato tentativo di dimostrare ai sostenitori occidentali di Zelenskij che tutti i miliardi che hanno elargito allo sforzo bellico ucraino non sono stati vani, che l’Ucraina può ancora combattere – e vincere.

È chiaro che Zelenskij ha fatto tutto ciò che era possibile per raccogliere tutte le forze rimaste per questa offensiva. Ha richiamato tutti i soldati che ha inviato negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e altrove a scopo di addestramento, che sia stato completato o meno.

Dall’inizio della guerra, l’Ucraina ha perso un numero molto elevato di soldati esperti in battaglia. Queste sono state sostituite da reclute inesperte che sono state gettate in un conflitto sanguinoso per il quale non erano preparate. Le perdite sono state terribili, ma non sono nulla in confronto a ciò che si sta preparando. È vero, molte reclute sono coraggiosi e disposti a sacrificare la propria vita. Ma l’entusiasmo e il coraggio non sono sufficienti per vincere le guerre. E soldati novellini non possono sostituire i veterani in nessuna guerra.

Quale sarà l’esito? Come sempre, bisogna essere aperti a più scenari. La sanguinosa equazione della guerra ha così tante variabili che una previsione accurata è raramente possibile. Fattori come il morale, la qualità degli ufficiali a tutti i livelli, i problemi logistici e persino il tempo atmosferico giocano tutti un ruolo. Tuttavia, è possibile fare una previsione molto provvisoria, che dovrà essere modificata, corretta o, se necessario, respinta del tutto. Saranno gli eventi, gli eventi, e solo gli eventi a decidere.

 

La vera battaglia deve ancora iniziare

La situazione attuale assomiglia alle fasi iniziali di un incontro di pugilato, in cui i due antagonisti si girano intorno, scambiandosi pugni per cercare di farsi un’idea chiara dei punti di forza e di debolezza dell’avversario. Possiamo tranquillamente ignorare incidenti minori come gli attacchi isolati con i droni a Mosca o l’avventura di Belgorod. Si è trattato di semplici punture di spillo, inscenate a scopo propagandistico o di distrazione, che non avranno alcun effetto sul corso della guerra.

A Bakhmut l’esercito ucraino ha subito molte perdite di soldati esperti

L’attacco più recente è stato molto più serio, ma, come ho detto, si è trattato solo di un attacco esplorativo e non ancora di un’offensiva vera e propria. Possiamo aspettarci altri attacchi di questo tipo prima che si sviluppi l’offensiva principale. Il suo carattere esatto e la sua posizione saranno noti solo dopo che sarà avvenuta.

Gli ucraini hanno abbastanza forza per infliggere sconfitte ai russi? Senza dubbio. Avendo riunito tutte le forze disponibili, gli ucraini potrebbero inizialmente spazzare via tutto quello che hanno davanti, anche se a un costo molto alto in termini di vite umane.

Si parla ancora una volta di riprendere Bakhmut (Prigožin sta già protestando per la perdita di un piccolo villaggio nelle vicinanze, che i suoi uomini avevano catturato e consegnato all’esercito russo). Ciò è possibile e sarà salutato come una vittoria epocale. Ma non sarà così.

L’importanza strategica di Bakhmut è francamente trascurabile, ed è stato molto sciocco da parte di Zelenskij pomparla per scopi propagandistici. Ai russi conveniva tenere acceso quell’inferno perché fungeva da tritacarne per i combattenti ucraini, mentre quasi tutti i combattenti da parte russa appartenevano al gruppo Wagner, che ha subito la maggior parte delle perdite.

Prevedo in generale che i russi tenderanno a ripiegare di fronte all’avanzata ucraina. Possiamo aspettarci vere e proprie scene di gioia nei media occidentali, che tuttavia dovrebbero aspettare un po’ prima di indire parate di vittoria. Lungi dall’essere la fine della guerra, la vera battaglia non sarà ancora iniziata.

I russi hanno avuto tutto il tempo di costruire una linea di difesa pesantemente rinforzata. L’area antistante costituirà uno spaventoso campo di battaglia, dove le truppe in arrivo saranno sottoposte a un fuoco di sbarramento. È qui che si svolgeranno le battaglie decisive. E, a mio avviso, è qui che le forze ucraine troveranno la loro avanzata fermata.

È a questo punto che la guerra si deciderà, in un modo o nell’altro. I russi hanno accumulato una forza massiccia, che potrebbe approfittare del momento per passare all’offensiva. Il loro successo sembra molto probabile, ma, come sempre in una guerra, mai certo.

Fin dall’inizio di questa guerra, ci sono state molte sorprese. Da un lato, gli ucraini hanno dimostrato un’enorme resistenza e coraggio, che nessuno può negare. E il morale gioca sempre un ruolo importantissimo in guerra. Tuttavia, come abbiamo detto, il morale da solo non è mai sufficiente a garantire la vittoria. E non è affatto chiaro se il morale dei civili e dei militari possa rimanere alto di fronte a una serie di rovesci sul campo di battaglia.

La parte russa, come abbiamo visto, ha molti vantaggi rispetto agli ucraini. In epoca sovietica, questi vantaggi sarebbero stati più che sufficienti a garantire la vittoria. Ma la Russia di oggi non è l’Unione Sovietica. Il regime di Putin è reazionario e corrotto fino al midollo. È la creatura di un’oligarchia capitalista, proprio come il regime di Zelenskij.

In ogni società l’esercito è l’immagine speculare del regime. I segnali di fallimento dell’esercito russo nelle prime fasi di questo conflitto non sono stati un caso. L’esitazione, la confusione e altri limiti hanno contribuito al fallimento. È vero che l’esercito russo ha imparato molte lezioni. Ma non si può escludere che vengano commessi nuovi errori. Né si può dare per scontato il morale dei soldati russi che combattono una guerra contro i fratelli slavi.

Per tutte queste ragioni, sarà necessario seguire l’andamento della guerra con la massima attenzione. Va da sé che i marxisti non possono sostenere nessuna delle due parti. Si tratta di una scelta tra due oligarchie ugualmente reazionarie, dietro una delle quali si trova l’imperialismo occidentale. La vittoria dell’una o dell’altra non significherà nulla di progressista per la classe operaia.

Il nostro compito è quello di seguire l’andamento della guerra, fornire un’analisi chiara e trarre le lezioni necessarie per educare i lavoratori e i giovani avanzati a un intransigente spirito rivoluzionario internazionalista.

Il nostro slogan è quello di Spinoza, che Trotskij citava spesso: “Né piangere, né ridere, ma capire”.

Londra, 6 giugno 2023